Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Canta Napoli contro il coronavirus: ecco i brani e i videoclip nati col Covid-19

Scritto da il 30 Marzo 2020

La musica non si ferma anche in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo. E sfrutta tutte le nuove tecnologie per superare l’isolamento forzato a cui sono costretti artisti e fan. A Napoli, poi, il fermento musicale sembra addirittura amplificato e la voglia di suonare e ascoltare musica è soddisfatta dai numerosi live che gli interpreti offrono gratis attraverso i loro canali social. Ma stanno nascendo anche tanti nuovi brani che raccontano, più o meno direttamente, la vita ai tempi dell’emergenza coronavirus in città e nel mondo.

LEGGI ANCHE Clementino e il rap freestyle con la madre

Così dalla trap al neomelodico, passando per il cantautorato, sono diversi gli artisti che nelle ultime settimane hanno lanciando in Rete canzoni che, quando non trattano direttamente il tema Covid-19, sono comunque un modo per raccogliere fondi a sostegno delle strutture sanitarie o per raccontare il disagio di restare chiusi in casa per un tempo prolungato. Un disagio che, per esempio, vivono i giovani innamorati, che in questi giorni devono limitarsi ai contatti virtuali, ma che sognano il momento in cui non ci sarà più l’obbligo di stare lontano per tornare ad abbracciarsi. Ed è proprio quello che canta il giovane rapper di Torre Annunziata, Joseba, in Amore Covid-19 freestyle: la voglia d’incontrarsi frenata dalla consapevolezza che uscendo da casa si metterebbe in pericolo la propria vita e quella dei propri cari.

È un rap freestyle anche quello proposto dal 15enne Plug, che con Stateve a casa esorta i ragazzi a seguire le regole dettate dal governo e a non uscire, mettendo da parte l’egoismo.

Da due rapper giovani a uno più navigato come Lucariello, che con la canzone Che cos’è non si occupa direttamente del virus, ma omaggia la città dov’è cresciuto e di cui ha raccontato gioie e dolori in chiave rap prima di tanti altri. E nel videoclip che accompagna il brano ci sono comunque diversi richiami ai giorni terribili che stanno vivendo i napoletani. I proventi del brano, poi, saranno devoluti all’ospedale Cotugno di Napoli.

Cambiando genere, non poteva mancare in questa breve rassegna la proposta neomelodica. Si tratta di Quarantena da dimenticare di Tony Arca, che anche lui affronta, in chiave ironica, il tema della permanenza forzata in casa e i tentativi di spezzare la noia, andando a buttare la spazzatura o accompagnando il cane a fare i bisogni fuori.

Non è una novità, ma il rifacimento di un suo vecchio successo il brano che La Maschera ha ri-cantato e ri-suonato, mentre i componenti della band erano ognuno nelle proprie abitazioni. E così è nato il nuovo videoclip di Dimane comme ajere, dove i sei musicisti compaiono ognuno nel proprio riquadro. Un modo per ritrovarsi a suonare insieme nonostante l’isolamento nelle proprie abitazioni a cui sono costretti. Perché a Napoli la musica non si ferma, nemmeno ai tempi del coronavirus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Enable Notifications    Ok No thanks